Dal 20 / 11 / 2019 al 13 / 12 / 2019

UNA CANZONE BLUES

di Matteo Monforte
con Davide Mancini

Musiche originali: ALDO DE SCALZI
Supervisione alla messa in scena: LUCA CICOLELLA
Eliseo Off - Foyer II balconata
Spettacoli il mercoledì, venerdì, domenica
orari spettacoli: ven. ore 18.00; merc. e dom. ore 20.00

Durata 60 minuti circa
COSTO DEL BIGLIETTO: 7 €

Acquista il biglietto

Come tutte le storie, questa è una storia d’amore. E di amicizia.

Billo ha quarant’anni e vive a Roma. Con Giulia, Ricky e Mia sono cresciuti insieme a Pian Palude, un piccolo paese sperduto nelle campagne del nord Italia. Amici fin dall’infanzia, hanno vissuto fianco a fianco per vent’anni, fino a quando l’improvvisa morte di Mia - all’epoca fidanzata di Billo - per un tragico incidente di macchina, separa per sempre le loro strade. Billo decide così di trasferirsi a Roma per inseguire il suo sogno di diventare chitarrista blues, Giulia va a vivere a Milano per frequentare medicina ma poi rinuncia e torna indietro, mentre Ricky rimane al paese per portare avanti la segheria di suo padre. Ora, vent’anni dopo, Billo è un musicista e produttore di successo. Ha perso da decenni ogni contatto con i suoi due vecchi amici e conduce una vita all’apparenza appagante. Fino a quando, quel giorno, riceve una telefonata di Ricky che gli annuncia il suo imminente matrimonio con Giulia: i due stanno aspettando un bambino e hanno deciso di sposarsi; Billo dovrà fare da testimone al suo vecchio migliore amico. Sarà finalmente l’occasione giusta per rincontrarsi tutti assieme. Ora che Billo, dopo vent’anni, sta per tornare a Pian Palude, ripercorre la storia di amicizia tra quei quattro ragazzi destinati a crescere in un paesino sperduto senza nessuno sbocco, la storia d’amore tra lui e Mia e l’amicizia fraterna ma in competizione col suo amico Ricky, così diverso da lui, ma così necessario alla sua vita. Tutto sembra perfetto, quindi. Ma Billo sa che vecchie rivalità mai appianate si insinueranno tra di loro in quel giorno di gioia e festa. Un monologo moderno e forte, che all'apparenza sembra voler essere una storia romantica/nostalgica con temi attualissimi, che - come una lunga canzone blues - parla di amori, amicizie, tradimenti, e della voglia di scappare da una vita di provincia che va troppo stretta a tutti ma saranno i vecchi terribili segreti a tenere il pubblico con il fiato sospeso.


MATTEO MONFORTE nasce a Genova nel 1976. Nella vita scrive per la tv e per il teatro. Ha collaborato per 10 anni come autore con Zelig e scritto testi per alcuni tra i più importanti comici del panorama italiano (Maurizio Lastrico, Antonio Ornano, Beppe Braida, Teresa Mannino, i Turbolenti, Enzo Paci, Baz). Ha pubblicato quattro romanzi: Come siamo caduti in basso , Oscar (Chinaski edizioni), La Genova male (Chinaski edizioni) , Prendo la sciarpa e arrivo da te (Grandi e associati), La vanità dei pesci pulitori (Frilli editori) Per il teatro ha scritto: CAMILLA ( prod: Teatro Piccolo di Arenzano, in scena per il Teatro Nazionale di Genova. Regia: Lazzaro Calcagno). LA NOTTE IN CUI OSCAR TORNO’ A CASA (prod: Teatro Piccolo di Arenzano, vincitore come miglior testo del premio line d’ombra di Roma. Regia: Lazzaro Calcagno). COMEDIAN BLUES (prod: Moviement, Torino. Con I TURBOLENTI. Regia: Lazzaro Calcagno). GIOCHI DEGLI AMANTI (prod: Teatro Calvino, Imperia. Regia: Eugenio Ripepi). ABBIAMO SOLO MENO DIRITTI (monologo di teatro sociale tratto dal best seller di Marta Fana Non è lavoro è sfruttamento, edizioni Laterza. Prod: Recovery Culture. Regia: Stefano “Bendo” Bendato.)


DAVIDE MANCINI Davide Mancini, nasce a Genova e si diploma nel 2009 presso il Teatro nazionale di Genova (ex teatro tabile). Studia e lavora con diversi registi come: Marco Sciaccaluga, Massimo Mesciulam, Anna Laura Messeri, Elisabetta Pozzi, Andrea Battistini, Enrico Bonavera, Michela Lucenti, Alberto Giusta, Lazzaro Calcagno, ecc... Collabora con il Teatro Stabile di Genova e il Teatro Due di Parma. Dal 2013 è socio-fondatore della compagnia Randevù insieme ad Angela Ciaburri e Mattia Scarsi. Nel 2016 traduce il suo primo testo “All new people” di Zach Braff che debutta in 1° nazionale il 26/02/2018 a Palermo presso il Teatro Libero con la regia di Massimiliano Farau. Lavora in cinema e tv, ed è stato diretto da: Marco Tullio Giordana “I due soldati”, Marco Ponti “Una vita Spericolata”, Beniamino Catena “Rosy Abate”, Nick Willing “Neverland”, Piero Messina “Il ragazzo che viene dal futuro”, Antonello Grimaldi “La dottoressa Giò”, Vincenzo Alfieri “Gli uomini d'oro” Fabio Mollo “Gli Scomparsi”. Vince il premio “originalità e critica Carlino d’oro” de il resto del carlino, al XX° festival del cabaret emergente di Modena nel 2013.

INFORMAZIONI

uno studio sul monologo di: MATTEO MONFORTE
interpretato da: DAVIDE MANCINI
Musiche originali: ALDO DE SCALZI
Supervisione alla messa in scena: LUCA CICOLELLA

EXTRA