29/10/2018

Spiriti Liberi: l'elogio della scorrettezza

A cura di Massimo Bernardini
INCONTRO RIMANDATO

Con: Alain Finkielkraut e Giuliano Ferrara

PICCOLO ELISEO
ORARIO: 19.00

Ingresso libero


Prenota

INCONTRO RIMANDATO

Il primo incontro della serie Spiriti liberi condotta da Massimo Bernardini. Alain Finkielkraut si definisce: Conservatore, Socialista e Liberale, un’espressione presa in prestito da Kolakowski nel tentativo di iscriversi nel pensiero dell’Europa centrale, grazie a un’esperienza storica inestimabile, avendo conosciuto entrambi i totalitarismi.
Il grande intellettuale francese è abituato a spiazzare tutti, a contrastare il pensiero unico. Come tenere insieme ideologie che appaiono quasi opposte tra loro? Leggiamo le sue stesse parole:
"Ci sono delle contraddizioni, ma la verità del conservazionismo appare alla luce della follia totalitaria e della volontà di creare un uomo nuovo, di rompere con il mondo antico. Abbiamo visto il punto a cui ciò ci ha portati e questa esperienza deve invitarci alla prudenza, a fare meno affidamento sulla nostra ragione e a riconoscere la saggezza che può esserci nei nostri antenati. Il totalitarismo invita alla modestia e la parte di verità del conservazionismo è precisamente l’apprendimento di tale modestia. Per il liberalismo: una società in cui l’iniziativa privata è completamente impedita per non importa quali motivazioni, marcisce nella stagnazione. Ecco la verità del liberalismo. Quanto al socialismo, consiste nell’idea che il capitalismo deve effettivamente poter essere gestito e controllato ed è necessario poter assicurare una certa ridistribuzione della ricchezza."
Milan Kundera: ha detto di lui “Alain Finkielkraut, l’uomo che non sa non reagire” , spesso viene interpellato non tanto e non solo per la sua capacità di analisi, ma per l'abilità e l'acume nel prospettare soluzioni e nel definire scenari, che finiscono sempre per spiazzare l'interlocutore.

"Una cosa è dire che i cittadini hanno uguali diritti, ben altra è dire che tutto si equivale." questa sua frase sembra disegnata per quanto sta accadendo non solo in Europa ma soprattutto in Italia. L'incontro con Giuliano Ferrara - il nostro maitre a penser liberale per eccellenza - promette con la conduzione di Massimo Bernardini di farci comprendere meglio quanto sta accadendo intorno a noi.