10/06/2018

SPECIAL GUEST

Soul Train R-evolution
special guest:Fabrizio Bosso & Serena Brancale

Direzione e arrangiamenti: Michele Papadia


TEATRO ELISEO
ORARIO: 21.00


Acquista il biglietto

Il Festival Special Guest è un progetto creativo nato dalla collaborazione tra il Teatro Eliseo e il Saint Louis College of Music che coinvolge artisti di fama internazionale e un team straordinario di giovani artisti, musicisti, arrangiatori, cantanti e tecnici del suono.

La II edizione del Festival prevede tre grandi concerti che porteranno sul palco dell’Eliseo Paolo Fresu, Fabrizio Bosso, Serena Brancale, Javier Girotto e Martin Bruhn come special guest di tre giovani formazioni nate all’interno della storica scuola di musica Saint Louis, da sempre fucina di nuovi talenti, dirette da Antonio Solimene, Michele Papadia e Natalio Mangalavite.

Soul Train R-Evolution, formazione di oltre 20 musicisti il cui repertorio è incentrato sulla ‘Black Music’, facendo coesistere la tradizione del Soul, Funk, Jazz e musica africana, con elementi di NeoSoul, Gospel, HipHop, Fusion e musica elettronica, per la sua prima esibizione live accompagnerà due eccezionali special guest, Fabrizio Bosso e Serena Brancale, in una serata all’insegna del groove.

Special Guest Fabrizio Bosso & Serena Brancale
e Soul Train R-Evolution
Direzione, organo Hammond, Tastiere Analogiche: Michele Papadia

Solisti e Background Vocals:
Francesca Pugliese – Giulia Fortini
Chiara ‘Ash’ Vannini – Ilenia Marzano
Irene Calvia – Francesca Guerra – Beatrice Gatto – Domenico Faramondi – Paolo Boccadamo – Mattia Pedretti

Horns:
Mario Caporilli tromba 1 – Giuseppe Panico tromba 2
Luciano Pischetola trombone 1
Luigi Acquaro sax tenore 1 – Vincenzo Presta sax tenore 2
Lorenzo Caciotta sax alto

Guest horns:
Davide Ghidoni tromba – Luca Giustozzi trombone> Simone Santini sax alto – Claudio Giovagnoli sax tenore

Chitarre:
Guido Della Gatta – Dario Marcello

Tastiere:
Martina Lucignano

Basso:
Emanuele Triglia – Stefano Zandomenichi

Batteria:
Luca Masotti

Batteria, percussioni, elettronica:
Francesco Aprili

Michele Papadia
Pianista, organista e compositore pugliese. Diversi sono i suoi musicisti di riferimento, in particolare Gene Harris, Bill Evans, MonkBilly Preston, Dr.John e Henry Butler di New Orleans, gli organisti Jack McDuff, Larry Young, Jimmy Smith, Brian Auger, John Medeski. Il suo stile infatti, pur avendo una matrice prevalentemente jazzistica, è fortemente influenzato dal gospel e dal blues. Ha partecipato ai maggiori festival jazz, rock, blues e gospel sia europei che statunitensi ed asiatici. È stato inoltre molto attivo nella scena “acid jazz” italiana e londinese, soprattutto con il piano Rhodes e l’organo hammond. Ha collaborato con numerosi artisti internazionali come Patti Austin, Brian Auger, Robben Ford, Peter Green, John Mayall, Roberto Gatto.

Fabrizio Bosso
Fin dall’inizio della sua carriera Fabrizio può vantare collaborazioni importanti come, fra i tanti, Gianni Basso, Enrico Pieranunzi, Rosario Giuliani, Charlie Haden, Carla Bley. Con la Blue Note, pubblica nel 2007 uno dei suoi dischi più importanti, “You’ve Changed”, in quartetto e 13 archi magistralmente arrangiati da Paolo Silvestri, con alcuni ospiti come Stefano Di Battista, Bebo Ferra, Dianne Reeves e Sergio Cammariere, al quale deve l’ingresso nel mondo del pop e la sua prima apparizione al Festival di Sanremo. Negli anni, partecipa ancora a Sanremo, sia con Sergio Cammariere che con Simona Molinari, Raphael Gualazzi e Nina Zilli. Molte sono le collaborazioni cross-over (come “Uomini in Frac” dedicato a Domenico Modugno e “Memorie di Adriano”, dedicato al repertorio di Celentano) e anche interdisciplinari con “Il Sorpasso”, sonorizzazione dal vivo di un montaggio di immagini tratte dal capolavoro di Dino Risi, o “Shadows”, un omaggio a Chet Baker. Non mancano le partecipazioni di Fabrizio Bosso come solista, insieme a grandi direttori d’orchestra come Wayne Marshall o Maria Schneider.

Serena Brancale
Intraprende gli studi musicali sin da piccolissima approcciandosi prima al violino, poi al pianoforte, parallelamente coltiva la sua passione per la recitazione e la danza, partecipando a corsi e stage specifici. Non ancora diciottenne diventa la voce ufficiale di Radiobari e voce recitante in numerose compagnie teatrali. Partecipa alla pellicola di Alessandro Piva nel film dal titolo “Mio cognato” con Sergio Rubini e Luigi Locascio per poi interpretare, nel ruolo da protagonista, il film “Da che parte stai” di Puglia Film Commission e della sitcom “Sarà la fame”. Cominciano le sue Performance in tutta Italia promuovendo un progetto musicale a suo nome che la vede sul palco come cantante, musicista ed arrangiatrice. Dopo numerose presenze in Festival e Club rinomati, collabora con Michele Torpedine (storico manager di Bocelli, Zucchero, Giorgia) con il quale sigilla il suo primo lavoro discografico dal titolo “Galleggiare” e partecipa al Festival di Sanremo 2015 riscuotendo grande successo di pubblico e di critica giornalistica.