13 / 11 / 2017

IL MANIFESTO DEL LIBERO LETTORE

di Alessandro Piperno
e Annalena Benini

Primo incontro Elogio del libero lettore: i libri di cui non possiamo fare a meno

PICCOLO ELISEO

ORARIO: 20:00
Ingresso libero

Prenota

Alessandro Piperno, il grande scrittore italiano, Premio Strega 2012 e studioso di letteratura, e la giornalista Annalena Benini conducono il pubblico per cinque lunedì di seguito dal 13 novembre all’11 dicembre attraverso i segreti della letteratura e con un’analisi di alcuni dei maggiori maestri della letteratura che diventano esempio di scuola.

Primo incontro: Elogio del libero lettore: i libri di cui non possiamo fare a meno
Se lo scrittore è minacciato da un mucchio di remore e divieti, il lettore ha solo diritti. Può aprire qualsiasi libro e se proprio non gli va a genio, chiuderlo al secondo capoverso e volgersi altrove. Ecco perché lo abbiamo chiamato il libero lettore. Si lascia guidare dal capriccio, dalla sete e dalla necessità. Il libero lettore è un dilettante, e come tale aspira al diletto. È il tipo che immergendosi in un’opera di narrativa non sta lì a interrogarsi sullo spazio che essa occupa nella storia letteraria; né si chiede se sia realista, vittoriana, modernista, tradizionale, sperimentale, di genere. Il libero lettore tralascia i proclami estetici dell’autore, le dotte postfazioni e i peana del risvolto di copertina. Cerca atmosfere, personaggi, buone storie, mica qualcuno che gli spieghi perché cercarle è un obbligo morale. La sola classificazione che lo interessa è quella che separa i romanzi che producono endorfina da quelli che fanno venire l’emicrania, i pochi che cambiano la vita dai troppi che non cambiano niente, se non talvolta l’umore.